Come prendersi cura di un cavallo

Allevare un cavallo è una attività che richiede molto impegno e molte risorse. Questo animale, infatti, ha bisogno di attenzioni e accortezze particolari. Per prima cosa deve essere ospitato in uno spazio adeguato, che gli permetta di proteggersi dalle intemperie, ma anche di muoversi. Inoltre deve avere una alimentazione adeguata e deve essere pulito con regolarità. Infine per gli esemplari è fondamentale la compagnia di altri cavalli.

Per prima cosa il cavallo ha sempre bisogno di movimento, questo gli permette di preservare le funzionalità delle articolazioni, di mantenere una buona respirazione e di digerire regolarmente. Deve perciò potersi muovere liberamente all’aperto, quando non vine cavalcato e deve, perciò, restare legato solo per brevi periodi. In un mese un cavallo dovrebbe essere lasciato libero per almeno 13 giorni in settori di uscita con recinzioni ben visibili. Per un cavallo è molto importante stare a contatto con i propri simili, questo favorisce il suo benessere generale e permette quindi all’animale di stare bene e di vivere serenamente.

E’ per questo che i cavalli generalmente vengono allevati nei maneggi. Ed è proprio in questi posti che si trovano cavalli da salto ostacoli in vendita, come ad esempio nel maneggio San Giacomo alle porte di Milano.
In una giornata un animale beve tra i 20 e i 60 litri di acqua. Bisogna perciò fare attenzione che negli abbeveratoi questa sia sempre presente e che questi siano puliti e l’acqua non sia stagnante. Inoltre il foraggio grezzo deve sempre essere disponibile, perché un cavallo mangia durante la giornata nell’arco di 16 ore a diversi intervalli e questo permette una regolare digestione.
Come molti animali anche il cavallo è in grado di prendersi cura del proprio manto, ma periodicamente va lavato e strigliato per mantenere il mantello sempre curato e splendente. Fondamentale è l’attenzione alle zampe e agli zoccoli. Gli zoccoli permettono un giusto equilibrio e il corretto movimento dell’animale e pertanto non vanno mai trascurati.
Le vibrisse, che sono i peli attorno al naso, non vanno mai tolti o eliminati, con queste, infatti, l’animale percepisce gli oggetti al buio.
Lo spazio dedicato alla notte e al riposo deve essere sufficientemente ampio in modo che l’animale possa sdraiarsi e distendere le zampe. I soffitti devono essere alti, nel locale deve circolare l’aria e ci deve essere una buona luce. Tutto questo stimola il corretto metabolismo dell’animale.
Se per caso esso fosse lasciato sempre al pascolo bisogna predisporre una copertura per permettergli un riparo.

I cavalli sono animali meravigliosi e con i quali è possibile stabilire rapporti profondi e intimi, ma, a differenza di altro tipo di animali da compagnia, hanno bisogno di cure particolari e di spazi ampi, per questo bisogna essere davvero convinti di potersi occupare di un cavallo prima di “adottarne uno”. Il consiglio è quello di tenerlo in un maneggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *